Parrocchia Fino del Monte

PARROCCHIA di FINO DEL MONTE (BG)
Vai ai contenuti
Geografia della Palestina ai tempi di Gesù
LA  PALESTINA:  La terra di Gesù

Al tempo di Gesù la Palestina faceva parte dell'impero di Roma, e precisamente della provincia di Siria. Pompeo la conquistò nel 63 aC., poi Roma affidò il governo a un amico fidato: Erode il Grande, che fu re dal 37 al 4 aC. Dopo la morte di Erode il Grande la Palestina era divisa amministrativamente in quattro zone (tetrarchie):

GIUDEA, SAMARIA e IDUMEA, dopo la breve reggenza di Archelào (4 aC.-6 dC.) passarono sotto il controllo diretto del procuratore romano, alle dipendenze del legato imperiale di Siria.
GALILEA e PEREA governate da Erode Antìpa.
ITUREA e TRACONITIDE governate da (Erode-)Filippo.
DECAPOLI (dieci città) in relativa autonomia.

Per gli ebrei la Palestina rappresentava la "terra promessa" da Dio al patriarca Abramo e ai suoi discendenti.
Purtroppo su quella piccola lingua di terra strategicamente tanto importante - era il passaggio obbligato tra i grandi imperi dell'antichità - dominarono egiziani, assiri, babilonesi, persiani, greci, romani.

Il governo civile e culturale era lasciato in mano agli Ebrei e la pax romana (= pace romana) consentiva loro una certa autonomia. La religione ebraica godeva del particolare statuto di “religio licita” (= religione ammessa) nell’Impero Romano: per questo gli Ebrei erano esentati dal rendere omaggio religioso all’Imperatore e alle divinità dell’Impero.
Al tempo di Gesù l’istituzione più importante era il Sinedrio (= assemblea, consiglio) che aveva a capo il Sommo Sacerdote; era formato da 71 membri scelti tra gli Anziani.
Il Sinedrio aveva il compito di amministrare la vita religiosa, giuridica ed economica degli Ebrei.
Diocesi di Bergamo
Curia Diocesana
Piazza Duomo 5
24129 Bergamo
tel. 035/278.111
fax: 035/278.250
Torna ai contenuti